Emergenza rifiuti terminata: e adesso?

Uscita da sotto le tonnellate di immondizia che per un mese l’hanno ricoperta, la città adesso si aspetta due cose: un servizio di raccolta dei rifiuti degno di una città civile (e, sotto questo aspetto, molto dipenderà dal senso di civiltà dei cittadini), e l’accertamento e l’individuazione delle responsabilità di quanto accaduto. Se è vero infatti che il superamento della fase emergenziale di raccolta dei rifiuti ha comportato per la collettività un onere economico superiore a centomila euro, è giusto e risponde agli ordinari criteri di gestione della cosa pubblica, che chi ha provocato tutto ciò risponda non soltanto di fronte all’ amministrazione comunale ma, anche e soprattutto, nei confronti dei cittadini. E ciò non per essere giustizialisti ( termine e concetto che aborriamo) ma solo per fa si che situazioni analoghe a quelle vissute dalla città per oltre un mese non abbiano più a ripetersi.